VOI Ezaka

Statuto giuridico : Comunità di Base (CoBa) o Vondron’Olona Ifotony (V.O.I)
Data di creazione: 21 luglio 2004
Data di inizio della Trasferta di Gestione : 22 dicembre 2006
Foresta gestita e superficie: Foresta ad Est del Comune di Vohidahy (10.919 Ha)
Numero di membri: 410 (gennaio 2013)

Il massivo forestale dell’Est, rispetto al precedente, si trova più lontano dai villaggi e non vi sono strade che vi giungono. Gli abitanti locali affermano che degli interventi di utilizzazione ci sono stati in passato ma l’accesso difficile e il problema di evacuazione del legname li hanno frenati. D’altra parte questo isolamento e l’assenza di controlli da parte del servizio forestale favorisce i prelievi illegali dei legnami di valore, come il palissandro, da parte dei locali e degli artigiani zafimaniry.

Dei piccoli sentieri all’interno di questo massivo servono per collegare i villaggi periferici…..….. ma soprattutto servono per il passaggio dei boscaioli zafimaniry che cercano le loro piante di palissandro da abbattere.

Tra le pressioni di origine antropica le più intense sono rappresentate dai tavy per creare nuove parcelle di coltivazione. Il pascolo dei buoi e l’abbattimento di grossi alberi per il prelievo del miele contenuto al loro interno, rappresentano allo stesso modo delle minacce per la biodiversità del complesso dell’est.

Dopo 6 anni dalla sua ufficializzazione il VOI Ezaka incomincia a comprendere il ruolo che è stato a lui affidato di gestore della foresta. Nel 2011 è stato lanciato un programma di sensibilizzazione per arrestare i tavy in foresta.

La lotta contro i «ladri di palissandro » ha ridotto notevolmente il prelievo di questa essenza preziosa. Ogni anno i membri si impegnano in attività di arricchimento forestale e rimboschimenti e come il VOI Taratra anche il VOI Ezaka ha contribuito alla costruzione della nuova casa-ufficio che verrà inaugurata a breve. A novembre del 2011, l’Amministrazione Forestale di Ambositra ha concesso il rinnovo della trasferta di gestione per ulteriori 10 anni.

La struttura della foresta è ben formata ed ospita specie di valore come il Palissandre (Dalbergia monticola), il Nato e il Varongy. Lo strato dominante è ben rappresentato e può raggiungere anche i 30 m di altezza. Si osservano lungo i corsi d’acqua zone di foresta estremamente sensibili caratterizzati per una elevata biodiversità vegetale ed animale. Per contro i lembi di foresta più vicini alle abitazioni sono più aperti a causa dei prelievi relativi al diritto d’uso.